Whatsapp
×

A proposito del venditore

Valentina Puccio, in arte Vally in the sea  world è nata a Palermo il 27 aprile del 1982.

Cresciuta quale “cittadina del mondo” tra il paese natale, Messina, Milano e Bilbao, Valentina Puccio – dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti di Palermo, la Universidad del Paìs Vasco e l’Istituto di moda Burgo ed essersi laureata con una tesi dal titolo “Youtube e il Marketing non convenzionale” – nel 2010 prende parte, in qualità d’esperta di marketing legato ai social, al cast del programma televisivo Social King in onda su Rai 2. Partecipa inoltre a Social King Repaly - RaiGulp, ad Italia’s Got Talent su Canale 5, a U Zone su Italia 2 e alla rubrica di Tgcom24 Arte in Quarantena

Dopo una breve esperienza nella veste d’insegnante all’Accademia “Leonardo Da Vinci” di Capo d’Orlando si ha la svolta per Vally in the sea quando, nel 2019, rimane affascinata dalla pittura digitale, dalla Cyber Art della quale viene a conoscenza tramite alcune pagine di Instagram. Apre dunque, a sua volta, una pagina Instagram (ormai omonima community di largo successo) che ad oggi conta più di 600mila followers entusiasti dei suoi tutorial di disegno digitale e della sua collana di ebook dedicati per l’appunto alla Cyber Art.

Valentina Puccio crea le sue tele virtuali grazie a pennelli altrettanto intangibili, immagini che poi va a stampare realizzando quadri che sembrano vere e proprie fotografie. La critica l’ha infatti elogiata spesso quale esponente a pieno titolo dell’arte contemporanea, cioè non solo perché temporalmente tale, bensì perché è prodotta proprio con strumenti contemporanei quali il suo iPad Pro di Apple e pencil di seconda generazione. Opere che, come è stato sottolineato, sono indiscutibilmente pittoriche e naturalistiche e che ne fanno una maestra di scenari caratterizzati da elementi del quotidiano.

Opere dipinte con l’utilizzo dei pixel, quelle della palermitana, il cui tempo di realizzazione solitamente varia dai due ai quattro mesi dal momento che è la stessa Vally in the sea a definire i propri lavori  “disegni iperrealistici digitali”, tanta ne è perfino la perfezione raggiunta, sviluppati su livelli sovrapposti. Tra le sue principali fonti di ispirazione vi è l’amata Los Angeles e Miami con le sue luci multicolore, le sue palazzine Art Decò e il suo eclettismo strabiliante. Numerose rappresentazioni quindi, quelle di paesaggi urbani, con particolare attenzione agli ambienti in cui l’oceano si fonde con la civiltà.

Tra le sue esposizioni più recenti vale la pena citare, del 2020,  a Milano la mostra Collettiva in memoria di Frida Kahlo e la Mostra in contemporanea alla Biennale d’arte contemporanea di Venezia curata del prof. Vittorio Sgarbi. Valentina Puccio ha altresì ricevuto importanti premi e riconoscimenti quale, per ricordarne solo uno dei vari, il Trofeo Internazionale “Tavolozza d’Argento” a giugno dello scorso anno e la pubblicazione, nel 2019, con Amazon dell’eBook, formato Kindle intitolato “Digital drawing 1”.

  • Filtra la ricerca:
Mostrando1 -21 di21 articoli

Dal menu

Impostazioni

Condividi

Codice QR